Le deviazioni della colonna vertebrale

Comment

Salute
Le deviazioni della colonna vertebrale

La colonna vertebrale è uno degli elementi centrali, funzionalmente parlando, dello scheletro, ciò che ti consente la stazione eretta e la deambulazione. La sua conformazione è determinata dall’esigenza funzionale, la natura l’ha prevista con la sua forma particolare per dare al corpo umano la massima capacità nelle funzioni di stazione eretta e di deambulazione.

Come è fatta la colonna vertebrale 

La Colonna vertebrale è composta dalla sovrapposizione delle vertebre, ossa brevi che sono collegate tra loro da legamenti, dischi cartilaginei e muscoli. Le vertebre sono così collegate tra loro ma con la possibilità di articolarsi tra loro, muoversi per consentire al corpo umano di piegarsi, torcersi, realizzare movimenti.

Fanno eccezione le vertebre terminali della colonna vertebrale, il sacro e il coccige che sono fuse tra loro. Il sacro si articola con le due ossa dell’anca. Il sacro, in realtà, è composto da cinque segmenti mentre il coccige ne presenta 4 o 5, variabili da persona a persona.

Le vertebre superiori sono 24, portando il totale delle vertebre a 33 o 34 segmenti ossei. Si riconoscono in totale quattro tratti nella colonna vertebrale:

  • Il tratto cervicale, composto da 7 vertebre
  • Il tratto toracico di 12 vertebre che si articolano con le coste toraciche
  • Il tratto lombare, 5 vertebre l’ultime delle quali si mette in giunzione con il Sacro
  • Il tratto pelvico che è rappresentato da Sacro e Coccige

La forma della colonna vertebrale

Se si guarda la colonna vertebrale da davanti, le vertebre risultano, fisiologicamente, allineate in modo rettilineo, senza nessuna deformazione laterale ma se si guarda dal lato, la colonna vertebrale si presenta curvata in alcuni tratti.

Queste curve sono funzionali, servono per mantenere nella maniera massimamente ottimizzata la stazione eretta e contemporaneamente consentire al massimo della funzionalità la deambulazione. Queste curvature nel piano sagittale possono essere così definite:

  • Lordosi cervicale, una convessità anteriore del tratto cervicale
  • Cifosi fisiologica dorsale
  • Lordosi fisiologica lombare

Queste curvature non solo sono fisiologiche, ossia normali ma necessarie al corretto funzionamento della colonna vertebrale. La loro entità dipende fortemente dalla posizione del Sacro che, se basculato in avanti, tendono ad accentuarsi, sempre nell’ambito della curvatura fisiologica.

Le anormalità della colonna vertebrale

Tutte le conformazioni della colonna vertebrale al di fuori della fisiologica curvatura sono da considerarsi anomale, patologiche, costituendo una posizione anomala della colonna vertebrale che si riflette su anomalie funzionali.

La Scoliosi, ad esempio, rappresenta una curvatura normale nell’asse anteriore della colonna vertebrale, spesso associata ad una posizione anomala del bambino, soprattutto, che può cronicizzarsi anche nell’età adulta.

In questa situazione la colonna vertebrale presenta una curvatura patologica che modifica la posizione del corpo in senso laterale modificando l’intero equilibrio del corpo e provocando affaticamento anomalo della muscolatura e una posizione anomala del busto, oltre ad anomalie del carico sugli arti inferiori.

La scoliosi provoca anche sbilanciamenti che portano a lungo termine alla cosiddetta scapola alata e alla gobba.

Cifosi e lordosi

Quando per via di deformazioni ossee, modificazioni del tono muscolare dei muscoli paravertebrali o altri vizi posturali si realizza una curvatura anomala della colonna vertebrale sul piano sagittale, si realizza una modifica della posizione della persona in cui il busto risulta sporto in avanti o all’indietro in modo anomalo e anche esteticamente discutibile.

La correzione posturale può risolvere il  problema e riportare alla corretta posizione la colonna vertebrale.  La fisioterapia e il rinforza dei muscoli paravertebrali attraverso esercizi mirati possono essere utilissimi per chi soffre di questi disturbi.

Il rischio di queste anomalie posturali è l’insorgenza di una o più Ernie Discali con la fuoriuscita dal canale discale di estrusioni nervose che provocano forte dolore e limitazioni funzionali importanti che facilmente causano ricadute sulla vita quotidiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *