Innalza Rapidamente il Tuo Livello di Energia, Potenzia la Tua Mente

39.16 Richiamare Rapidamente gli Stati Mentali Desiderati

Scritto da Guido • Giovedì, 29 settembre 2016 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS 2016
La settimana scorsa ho sperimentato continuamente la creazione di stati mentali ed emotivi potenzianti. Questa settimana ho giocato a "salvarli" e richiamarli a comando.

In PNL (Programmazione Neurolinguistica), questa tecnica è conosciuta come ancoraggio. Ma non l'ha scoperta la PNL.

Tantissime scuole antiche utilizzavano, ben prima della PNL, mantra o formule, mudra o gesti rituali con le mani ed immagini per rievocare stati a comando, come scorciatoie.

E non sono cose nuove. Politici, conferenzieri, venditori e pubblicitari conoscono benissimo l'arte dell'ancoraggio.

Pensa ad un bravo venditore, che ti fa provare stati positivi molto intensi e poi TAAAC! li associa al prodotto che ti vuole vendere. E tu compri il prodotto per poter avere ancora quello stato emozionale (per esempio sicurezza, comfort, status-symbol, avventura... basta che guardi un po' di pubblicità con occhio critico e te ne renderai conto).





>>Continua a leggere "39.16 Richiamare Rapidamente gli Stati Mentali Desiderati"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 3.73 of 5, 11 vote(s) 3392 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

38.16 Coltivare uno Stato Emotivo Potenziante

Scritto da Guido • Giovedì, 22 settembre 2016 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS 2016

Osservare le EmozioniNon è un mistero che la nostra energia dipenda direttamente dal nostro stato emozionale.


Sia la gioia sia la rabbia, ad esempio possono liberare una grande quantità di energia disponibile. Ma... nonostante da anni io sia appassionato di tecniche energetiche, non ho mai avuto una grande attrazione per le tecniche "emozionali". Male! :-)

Non mi resta che rimediare... e alla svelta, perchè penso che senza mettere in campo le emozioni si possano raggiungere determinati livelli ma non procedere oltre. Chiaramente è una mia convinzione. :-)

Così l'esperimento della settimana è stato di osservare attentamente il flusso delle emozioni, anche e soprattutto in relazione al livello di energia e agire per cambiarlo in meglio, in modo altamente potenziante.

Le emozioni sono percepite fisicamente, attraverso sensazioni fisiche nel corpo e queste sensazioni si muovono costantemente. Possiamo sentirle nel cuore, nelle gambe, nella testa, nelle mani... Possiamo sentirci leggeri o pesanti, espansi o contratti... sentire le formiche, un tonfo al cuore, le mani che prudono.


>>Continua a leggere "38.16 Coltivare uno Stato Emotivo Potenziante"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 3.08 of 5, 24 vote(s) 2765 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Stili ed Obiettivi della Meditazione

Scritto da Guido • Mercoledì, 21 settembre 2016 • Commenti 0 • Categoria: MENTE
MeditazioneNon esiste un solo tipo di meditazione. Per cui quando qualcuno vuole cominciare a meditare deve sapere quello che desidera ottenere dalla meditazione.


Ci sono molti, molti differenti stili, con differenti obiettivi... e siccome tutte le forme di meditazione sono basate su stati alterati di coscienza, ci sono molti tipi differenti di stati alterati.

E allora quale tipo di tecnologia che costruisce un ponte fra le tue menti vuoi?E qual è il tuo obiettivo?


Rilassamento, preghiera, entrare nel silenzio per ricevere, imparare a connette gli emisferi destro e sinistro, visualizzazione, chiaroveggenza (remote viewing), chiarosenzienza (consapevolezza cinestesica a distanza), guarigione a distanza, manifestazione....


Ma prima di meditare occorre sedare la reazione fuga-combattimento.

E poi servono allenamento ed esperienza.


Ma il primo passo di ogni meditazione è sempre il rilassamento fisico...


... ad esempio qualcosa come il training autogeno (J. Schultz, 1922) o il rilassamento progressivo di E. Jacobson (1937) o il Relax Lungo di Josè Silva (1966).


Quando il meridiano Triplice Riscaldatore è sovraeccitato allora sono necessarie molte cose prima che si possa ottenere un buon rilassamento fisico.


E poi è importante comprendere tutti i benefici ed i vantaggi che si ottengono da quel tipo di meditazione per avere la motivazione per praticare con costanza fino all'ottenimento dei risultati attesi.


Il tipo di meditazione scelto deve poi includere le proprie convinzioni ed i propri valori.

Ad esempio la preghiera può essere un tipo di meditazione non adatta per un ateo.


Con le giuste condizioni si può costruire un ponte fra conscio ed inconscio.


>>Continua a leggere "Stili ed Obiettivi della Meditazione"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 3.05 of 5, 55 vote(s) 3321 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

La Forza di Volontà di Roy Baumeister e John Tierney

Scritto da Guido • Martedì, 20 settembre 2016 • Commenti 0 • Categoria: LIBRI CONSIGLIATI

Esistono diverse ricerche scientifiche sulla Forza di Volontà e sulle modalità per accrescerla, dato che questa è una delle caratteristiche per una vita piena e di successo.

Il libro di Baumeister e Tierney si focalizza su queste ricerche e sulle modalità per aumentare questo ingrediente. Ma vediamo nel dettaglio alcuni degli aspetti più interessanti della ricerca scientifica.

1. Il livello di glucosio nel sangue è direttamente connesso alla forza di volontà. Ma questo non significa che dobbiamo comiciare a mangiare zucchero e dolcetti, bensì che un'alimentazione equilibrata è alla base di una vita sana.

Se il livello di glucosio nel sangue è basso, allora saremo stanchi e mollicci, senza voglia di fare nulla, se non dormire e riposarci.

2. Dormire e riposare.
Non dimentichiamoci che il riposo è fondamentale per ricostituire le nostre riserve. Sia quando dormiamo, sia quando ci rilassiamo o meditiamo. La deprivazione del sonno riduce enormemente la nostra capacità di prendere decisioni rapide ed intelligenti.

3. Meditare aumenta la massa grigia nella corteccia prefrontale del cervello connessa alla consapevolezza ed al centro delle decisioni.

4. Respirazione.

Posso aggiungere tranquillamente, dato che mi alleno con le tecniche di respirazione, che è importante avere un buon livello di ossigenazione dei tessuti. Glucosio (dall'alimentazione) ed ossigeno sono alla base della respirazione mitocondriale e la produzione di ATP o energia disponibile.

5. Crea Priorità, fai prima le cose più importanti. Considera la Forza di Volontà come un'energia che si riduce, si consuma. Quindi usala con saggezza per muoverti nella direzione che vuoi e cominciando con le cose più importanti. Sono sicuro che non vorrai consumare la tua energia in cose inutili e banali (come facebook o la lettura delle email?).

6. Un Ambiente Ordinato aumenta la forza di volontà e la produttività. E questo io l'ho provato direttamente in questi giorni ad "alta energia" rimettendo in ordine tutta la casa, a partire dalla mia scrivania e dal desktop del computer.



>>Continua a leggere "La Forza di Volontà di Roy Baumeister e John Tierney"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 3.32 of 5, 60 vote(s) 2611 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

37.16 Tanti Piccoli Miglioramenti Visivi con la Fisiologia

Scritto da Guido • Giovedì, 15 settembre 2016 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS 2016

Con l'esplosione di energia dell'ultima settimana ho sentito l'esigenza di convogliarla verso il mio obiettivo principale: il miglioramento della vista.

Ma questa volta ho voluto muovermi piano piano, senza fretta ed un passo alla volta. Per non bruciarmi.
Con che cosa cominciare? La prima cosa che ho iniziato a sviluppare è un atteggiamento positivo, uno stato d'animo produttivo ed emozioni potenzianti.

Così questa settimana ho sperimentato a tutto spiano il principio di PNL della "fisiologia".

Non ho fatto altro che mantenere una postura ben eretta per tutto il tempo possibile, con un buon lavoro di consapevolezza corporea (e mindfulness) e stamparmi un bel sorriso sulla faccia.

Tutto con l'obiettivo di avere un atteggiamento positivo nei riguardi del miglioramento visivo.


>>Continua a leggere "37.16 Tanti Piccoli Miglioramenti Visivi con la Fisiologia"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 3.10 of 5, 107 vote(s) 5692 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!