Perdere peso con la stimolazione dell’Ipofisi

Comment

Come Perdere Peso Salute

Il sistema endocrino è molto complesso, decine e decine di ormoni e loro precursori e stimolatori tengono sotto controllo le funzioni di tutti gli organi, rappresentano gli ordini del cervello ad ogni cellula del corpo . E’ un squadra di giocatori sotto gli ordini di molti allenatori che riescono a coordinarsi tra loro senza mai creare un minimo di confusione: tutto funziona come un orologio svizzero.

Cosa è l’Ipofisi

Tutte le ghiandole endocrine sono sotto il comando del cervello che decide quale e in che modo deve funzionare ciascuna di esse e lo fa anche grazie all’attività di coordinamento di una piccola ghiandola, apparentemente insignificante che si trova alla base del cervello. La sua importanza è testimoniata dal fatto che la natura ha creato un rifugio sicuro apposta per lei, una formazione ossea a sua protezione esclusiva, tanto è grande il compito che svolge: parliamo della ghiandola pituitaria o ipofisi.

Tra i tanti ormoni che questa ghiandola produce c’è anche quello della crescita, il GH o Growth Hormone che regola, appunto l’accrescimento del corpo, l’allungamento delle ossa, il trofismo muscolare eccetera. Con il passare degli anni questo ormone decresce, diminuisce la sua presenza nell’organismo, fino a ridursi del 90% intorno ai 40 anni di età. L’Ipofisi può essere in qualche modo la ghiandola regista del sistema endocrino in quanto non agisce soltanto con il rilascio diretto di ormoni ma anche tramite sostanze che vanno a comandare altre ghiandole per la produzione di altri ormoni specifici; è questo il caso, ad esempio, della Tiroide che aumenta o diminuisce la produzione dei suoi ormoni tramite i precursori ormonali Ft3 e Ft4 che arrivano dall’ipofisi in un asse diretto chiamato asse ipofisi-tiroideo.

Attivare il metabolismo

Non ti è mai capitato di seguire diete rigidissime e perdere pochissimo peso? Appena cessato questo severo regime alimentare basta riprendere una dieta normale che ingrassi subito: perché? Se introduci una quantità eccessivamente ridotta di cibo, il cervello percepisce questo come una carenza di alimenti, per cui ordina a tutto l’organismo di bruciare il meno possibile, risparmiare energia. Il sistema endocrino ordina a tutti i distretti, attraverso l’ipofisi e la tiroide, di consumare solo l’indispensabile e trasformare il possibile in scorte, i depositi adiposi. Questo sistema di gestione delle energie si chiama metabolismo e il suo rallentamento fa in modo che nonostante il ridotto apporto di calorie non riesci a perdere peso. Nel momento in cui si realizza nuovamente un normale apporto, il metabolismo rallentato non brucerà ma convertirà il massimo in deposito adiposo.

Come perdere peso?

Per perdere peso occorre che l’ipofisi non riduca il suo comando a bruciare calorie, mantenendo alla massima funzione il metabolismo. Come si fa ad ottenere questo? Le persone che si dedicano alla meditazione riescono a tenere sotto controllo anche questa funzione, gestendo al meglio le energie, convogliandole correttamente a stimolare anche l’ipofisi ma chi non è dedito a questo può comunque mantenere al massimo della funzione e stimolare l’ipofisi attraverso diverse vitamine che provvedono anche a questo. Difficile dire una o due vitamine direttamente attive in questo senso, l’uso di un multivitaminico energizzante ti sarà certamente utile ma ti consigliamo comunque di mantenere un’alimentazione sana, bilanciata e non eccessivamente ridotta nell’apporto calorico.

A chi ha pratica con la meditazione e il controllo delle energie, consigliamo di mantenere al massimo la stimolazione ipofisaria attraverso l’incremento del cosiddetto “Triplice Riscaldatore”. Gestendo i tuoi flussi di energia riuscirai a dare il massimo di stimolo all’ipofisi affinché, attraverso gli ormoni tiroidei, mantenga ad alti livelli il metabolismo, facendoti perdere peso. Il metabolismo è attivabile anche tramite specifici alimenti, tra i quali vogliamo ricordare lo Zenzero, una spezia termogenica che risveglia il metabolismo rallentato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *