Tecniche e Pratiche Energetiche per Corpo, Mente e Spirito

La Respirazione del Fuoco o Kapalabhati Pranayama

Scritto da Guido • Giovedì, 26 maggio 2016
Kapalabhati è una tecnica di Pranayama. La parola sanscrita è composta da "kapala"  cranio e da "bhati" pulire.

Questa tecnica oltre ad ossigenare il corpo rinforza la fascia addominale, permettendo la corretta ed equilibrata ridisposizione degli organi interni.

Kapalabhati consiste in una serie di espirazioni forzate, ripetuta diverse decine di serie, nelle quali si espelle l'aria contraendo ritmicamente i muscoli addominali e inspirando brevemente ed in modo non volontario, dovuto solamente alla depressione che si instaura nei polmoni a seguito dell'espirazione forzata.

Non è una tecnica di iperventilazione in quanto si presta grande attenzione all'espirazione, mentre l'inspirazione è automatica e non forzata.


>>Continua a leggere "La Respirazione del Fuoco o Kapalabhati Pranayama"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.96 of 5, 663 vote(s) 7503 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

I Quattro Sentieri dello Yoga che Portano all'Illuminazione

Scritto da Guido • Lunedì, 2 maggio 2016
Con la parola sanscrita Yoga si indicano le pratiche ascetiche e meditative della tradizione indù.

Non ho mai amato particolarmente lo yoga, ma quest'anno, tre persone hanno cominciato a farmelo apprezzare: Wim Hof per il suo controllo sulla mente e sul corpo, lo zio Hack per la sperimentazione sugli stati della coscienza e Artour Rakhimov per il pranayama connesso al metodo Buteyko di respirazione.

Ho così cominciato a studiare alcuni testi di figure autorevoli dello yoga come Sivananda, Vivekananda, Muktananda ed anche Iyengar.

Il termine yoga si riscontra già nel più antico testo dei Veda, il Rgveda, con il significato di "unire", "attaccare", "imbrigliare".

Altri termini sanscriti simili sono yuj (verbo) con il significato di "unire" o "legare", "aggiogare"; yúj (aggettivo) "aggiogato", "unito a", "trainato da"; yugá (sostantivo) ossia il giogo che si fissa sul collo dei buoi per attaccarli all’aratro.

Ma unire che cosa?

Lo scopo dello yoga è quello di unire la nostra coscienza alla coscienza superiore ed universale.

Yoga indica l'insieme delle tecniche che consentono il congiungimento del corpo, della mente e dell'anima con il Sè Superiore (o Paramatma), l'unione tra l'energia individuale e l'energia universale.


>>Continua a leggere "I Quattro Sentieri dello Yoga che Portano all'Illuminazione"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.97 of 5, 922 vote(s) 8096 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!