Tecniche e Pratiche Energetiche per Corpo, Mente e Spirito

12.17 Il Mattino Ha l'Oro in Bocca

Scritto da Guido • Sabato, 25 marzo 2017 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS
Questa settimana ho cominciato un altro esperimento: quello di alzarmi mezz'ora prima al mattino e cioè alle 6.30, in modo da poter fare una sessione di meditazione anche prima di andare al lavoro.

Inoltre anche un proverbio dice "Il mattino ha l'oro in bocca!" e mi sembra che questa frase la ripetesse anche il mentore di Jerry McGuire, il film di Tom Cruise.

Così ho potuto aumentare il tempo dedicato alla meditazione... e penso proprio che il prossimo obiettivo sarà di alzarmi almeno alle 6.00... ma non ancora nella settimana che viene.

Intanto mi sto allenando nella presenza mentale o mindfulness e sto utilizzando alcuni esercizi dal libro Risveglio di Salvatore Brizzi. Al termine di ogni capitolo ci sono degli esercizi pratici con dei triggers, ovvero delle situazioni che dovrebbero far scattare il nuovo stato di coscienza.

Attualmente gli esercizi che porto avanti, non senza difficoltà sono:


  • presenza mentre mi vesto/svesto

  • presenza ogni volta che attraverso una porta

  • presenza ogni volta che entro o sono nella zona bagno

Non è affatto facile, ma è una bella sfida con me stesso e con i miei stati di semi-incoscienza. Inoltre per cambiare alcune abitudini è comportamenti è necessario riprendere il controllo.



Risveglio



Con gli esercizi delle antiche scuole esoteriche

Voto medio su 51 recensioni: Da non perdere
€ 17




>>Continua a leggere "12.17 Il Mattino Ha l'Oro in Bocca"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 3.23 of 5, 13 vote(s) 1694 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

L'Alchimia Taoista Comincia con l'Orbita Microcosmica

Scritto da Guido • Giovedì, 9 marzo 2017 • Commenti 0 • Categoria: ALCHIMIA TAOISTA

Nel sistema Taoista la prima cosa da fare è aprire e connettere i due meridiani che formano l'Orbita Microcosmica.

Il prima canale è il meridiano centrale o vaso concezione e comincia nella zona del perineo, risalendo la parte anteriore del corpo fino alla bocca.

La sua natura è fredda e legata alla polarità yin.

Il secondo canale è il meridiano governatore che comincia nella zona del perineo risalendo la parte posteriore del corpo fino alla sommità della testa per poi ridiscendere fino al palato.

La sua natura è calda e legata alla polarità yang.

Normalmente i due canali portano l'energia dal basso verso l'alto, ma quando si appoggia la lingua sul palato, dietro ai denti dell'arcata superiore avviene la chiusura dell'orbita microcosmica e l'energia comincia a fluire come in un solo canale: scende nella parte anteriore e risale nella parte posteriore in cicli continui.



>>Continua a leggere "L'Alchimia Taoista Comincia con l'Orbita Microcosmica"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.92 of 5, 139 vote(s) 1931 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

42.16 Centratura in 3 Respiri - 1° Passo alla Mindfulness

Scritto da Guido • Giovedì, 20 ottobre 2016 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS

Settimana molto impegnativa tra riunioni, corsi e appuntamenti di lavoro. Ho avuto poco tempo, salvo il weekend per praticare le mie routines, pertanto mi sono dedicato maggiormente alla mindfulness, allo stare presente qui ed ora.

Fortunatamente è una pratica che non necessita di un apposito spazio o tempo ma può e deve essere praticata in ogni contesto.

Inoltre è ottima per aumentare il livello di energia disponibile e per ridurre le "perdite" energetiche, normalmente dovute a emozioni incontrollate o ad un eccessivo ed instabile flusso di pensieri.

Ci sono sei passi da affrontare nello sviluppo della mindfulness e voglio affrontarne uno a settimana.

Il primo è legato alla respirazione: "Centrarsi con il respiro".

Imparare come osservare significa innanzitutto mettersi nella posizione dell'osservatore. La maggior parte del tempo durante la giornata agiamo e soprattutto reagiamo a stimoli esterni (suoni, odori, azioni, parole, persone, eventi) o interni (emozioni, pensieri, sensazioni fisiche).

Ma per passare da attori (o meglio re-attori) coinvolti ad osservatori dobbiamo prima e soprattutto sapere come centrare noi stessi.

Così, proprio come fa un pianista che si "centra" davanti alla tastiera prima di un concerto, noi possiamo fare alcuni respiri.


>>Continua a leggere "42.16 Centratura in 3 Respiri - 1° Passo alla Mindfulness"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.91 of 5, 504 vote(s) 10159 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

22.16 Collegare il Piccolo Circuito Energetico in Meditazione

Scritto da Guido • Giovedì, 2 giugno 2016 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS
Settimana all'insegna della pratica energetica e della scorpacciata di ciliegie, oltre all'arrivo di un nuovo gatto!

MENTE

Questa settimana l'ho dedicata a stabilizzare la meditazione nello stato libero dai pensieri.
Stavo meditando in giardino sotto al grande faggio piangente quando ho cominciato a sentire una piacevole, ma intensa vibrazione a livello del palato in un punto ben definito.

Questo mi ha portato a collegare i meridiani centrale e governatore come fanno i taoisti, appoggiando delicatamente la punta della lingua sul palato o come insegna a fare Burt Goldman con la sua tecnica Bagha. La cosa interessante è che non era il vuoto ad essere conseguenza del "collegamento", ma il "collegamento" ad essere percepito dopo il vuoto.

Questa connessione va a chiudere il percorso energetico chiamato "piccolo circuito celeste" o orbita microcosmica.

Ho anche notato come il "mala" sia diventato ormai un'ottima àncora per raggiungere rapidamente lo stato desiderato.

Oltre alla meditazione ho cominciato a "saturare" l'inconscio tramite affermazioni ed autoipnosi per ottenere maggiore continuità e stabilità nei miei sogni lucidi.


>>Continua a leggere "22.16 Collegare il Piccolo Circuito Energetico in Meditazione"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.77 of 5, 241 vote(s) 15095 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!