Tecniche e Pratiche Energetiche per Corpo, Mente e Spirito

20.17 Meditazione e Wing-Chun

Scritto da Guido • Domenica, 21 maggio 2017 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS
Prima parte della settimana dedicato allo sviluppo della consapevolezza, molto centrata sulla mente, ma conclusione tutta sul fisico in uno stage intensivo di wing-chun.

Ho cominciato praticando meditazione e mindfulness con buoni risultati di pratica. Inoltre ho portato avanti la forma di Taiji stile Yang di 37 Passi, sempre con grande consapevolezza ed un po' di meditazione camminata, cercando di amplificare il più possibile la percezione mantenendo allo stesso tempo una centratura in me stesso.

Se nella meditazione la mia centratura è normalmente nella respirazione, quando cammino (walking meditation) la centratura è nelle sensazioni dei piedi.
Inoltre ho allenato la consapevolezza anche nelle normali attività quotidiane come mangiare e lavarmi.

Altra cosa che ho ripreso a fare è allenare la mia vista sui piani fisico, emozionale e soprattutto mentale con una strategia più ampia e più consapevole di quelle adottate in passato.

Conto di concentrarmi maggiormente sulla vista nei 3 mesi a venire, grazie soprattutto alle competenze ed alle abilità che ho acquisito negli ultimi tempi (oltre alle ottime strategie di produttività).


>>Continua a leggere "20.17 Meditazione e Wing-Chun"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 5 of 5, 1 vote(s) 673 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

19.17 Immersione nella Meditazione

Scritto da Guido • Sabato, 13 maggio 2017 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS

Questa settimana mi sono dedicato intensamente a sviluppare attenzione e consapevolezza attraverso numerose sessioni di meditazione e la presenza mentale.

Anzichè dedicarmi a tante diverse attività mi sono concentrato ad un livello più profondo su una sola. Infatti se l'energia va dove la mente vuole, bisogna prima acquisire un buon controllo mentale.

E non è cosa semplice, anche perchè un buon livello di meditazione si ottiene attraverso un'attenzione costante e sostenuta (ad esempio sul respiro, come faccio io, oppure su un punto del corpo) insieme ad una buona consapevolezza espansa di ciò che accade intorno a noi.

Ho notato un aumento sensibile del tempo di attenzione sulla respirazione, con notevole riduzione invece del tempo di distrazione (ormai mi accorgo quasi subito di qualsiasi "evasione" e posso ritornare immediatamente a seguire il respiro).

Per valutare il tempo di attenzione muovo le dita su un grano alla volta del mala (collanina da meditazione) e poi ricomincio appena mi scopro a deviare. Il mio obiettivo ora è di raggiungere un pieno ciclo di 108 respiri senza mai perdere l'attenzione.

Posso rimanere fermo in posizione sul cuscino anche per un'ora senza muovermi.

Le sessioni sono piacevoli, un bel momento per me stesso. Non è un peso, anzi è un premio per me stesso.
Tempo di pratica? Quasi due ore al giorno.


>>Continua a leggere "19.17 Immersione nella Meditazione"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 3.57 of 5, 7 vote(s) 821 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

12.17 Il Mattino Ha l'Oro in Bocca

Scritto da Guido • Sabato, 25 marzo 2017 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS
Questa settimana ho cominciato un altro esperimento: quello di alzarmi mezz'ora prima al mattino e cioè alle 6.30, in modo da poter fare una sessione di meditazione anche prima di andare al lavoro.

Inoltre anche un proverbio dice "Il mattino ha l'oro in bocca!" e mi sembra che questa frase la ripetesse anche il mentore di Jerry McGuire, il film di Tom Cruise.

Così ho potuto aumentare il tempo dedicato alla meditazione... e penso proprio che il prossimo obiettivo sarà di alzarmi almeno alle 6.00... ma non ancora nella settimana che viene.

Intanto mi sto allenando nella presenza mentale o mindfulness e sto utilizzando alcuni esercizi dal libro Risveglio di Salvatore Brizzi. Al termine di ogni capitolo ci sono degli esercizi pratici con dei triggers, ovvero delle situazioni che dovrebbero far scattare il nuovo stato di coscienza.

Attualmente gli esercizi che porto avanti, non senza difficoltà sono:


  • presenza mentre mi vesto/svesto

  • presenza ogni volta che attraverso una porta

  • presenza ogni volta che entro o sono nella zona bagno

Non è affatto facile, ma è una bella sfida con me stesso e con i miei stati di semi-incoscienza. Inoltre per cambiare alcune abitudini è comportamenti è necessario riprendere il controllo.



Risveglio



Con gli esercizi delle antiche scuole esoteriche

Voto medio su 51 recensioni: Da non perdere
€ 17




>>Continua a leggere "12.17 Il Mattino Ha l'Oro in Bocca"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 3.23 of 5, 13 vote(s) 1694 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

9.17 La Concentrazione con il Conteggio Ipnotico del Silva

Scritto da Guido • Sabato, 4 marzo 2017 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS
Sto continuando ad allenarmi nel raggiungimento di stati mentali alterati attraverso la meditazione.


Sono partito con l'osservazione dei miei pensieri, che continuo tutt'ora e la presenza mentale, per sviluppare uno stato mentale vigile.

E' interessante per me osservare il funzionamento della mente, rendermi conto di quante volte agisco in modo automatico, di come i pensieri possano prendere il sopravvento e condizionare lo stato emotivo.


Rimanere presente durante le attività quotidiane è ancora molto difficile, ma l'esercizio è comunque interessante.

Nello stato di presenza la sensazione è proprio di "esserci", una sensazione di pienezza. Ho osservato che la postura ben eretta aiuta moltissimo nel rimanere vigile, sia nell'osservazione dei pensieri, sia anche nella presenza.


Questa settimana mi sono dedicato particolarmente alla concentrazione (dharana in sanscrito). Ho praticato la concentrazione su un punto energetico (Ajna Chakra tra le sopracciglia o sul Dantien nella zona addominale), ma soprattutto mi sono dedicato a porre le basi del condizionamento nel metodo Silva.


Dopo la fase del 3-2-1, in cui si condiziona il rilassamento fisico e mentale, c'è una fase di "approfondimento" che all'inizio avviene attraverso un conteggio da 100 ad 1.


>>Continua a leggere "9.17 La Concentrazione con il Conteggio Ipnotico del Silva"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.99 of 5, 149 vote(s) 1716 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

8.17 Presenza e Mindfulness (Esperimento)

Scritto da Guido • Sabato, 25 febbraio 2017 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS
L'esperimento della settimana consisteva nell'installare la nuova abitudine della mindfulness, della presenza mentale.

In pratica ho utilizzato un timer e programmavo delle mini-sessioni da 10 minuti in cui cercavo di mantenere la percezione di me stesso, dei miei pensieri, delle mie emozioni e dell'ambiente circostante.

In media ho fatto dalle 6 alle 8 sessioni sparse durante la giornata.

La pratica è risultata facile solo alla guida dell'auto, un momento in cui sono da solo e la vista può spaziare su tutto il campo visivo, da destra a sinistra.

Molto difficile quando ci sono diverse fonti di disturbo e si deve fare un compito specifico.

Difficile anche quando ci sono altre persone con cui si comunica o peggio ancora quando si deve gestire un gruppo.

Dopo alcuni giorni di "tentativi" ho osservato come partendo dal corpo tutto diventa più facile.

Ho infatti cominciato a concentrarmi prima sulla postura, sollevando bene la testa ed aprendo le spalle e da qui espandevo la mia percezione in tutte le direzioni (interno ed esterno).

E' un allenamento da portare avanti ma che dà i suoi buoni frutti, in termini di centratura, focus ed una piacevole sensazione di espansione e benessere psico-fisico.


>>Continua a leggere "8.17 Presenza e Mindfulness (Esperimento)"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.98 of 5, 217 vote(s) 1893 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!