Tecniche e Pratiche Energetiche per Corpo, Mente e Spirito

I 4 Livelli del Pranic Healing

Scritto da Guido • Giovedì, 9 marzo 2017
Sto muovendo i primi passi nel Pranic Healing e da buon sperimentatore abbino studio e pratica.

Sono ancora agli inizi e per ora sto facendo semplicemente alcune cose:


1. sto fuori al sole il più possibile (per favorire l'assorbimento del prana solare)
2. sto scalzo il più possibile (per favorire l'assorbimento del prana terrestre)
3. respiro lentamente e consapevolmente (per favorire l'assorbimento del prana dell'aria)


Mi sento bene, centrato e con una buona vitalità generale.


Per quanto riguarda la teoria invece sto studiando il libro base del metodo in cui sono spiegati i 4 Livelli del Pranic Healing.


Come già scritto, non prendo tutto per oro colato, ma allo stesso tempo mantengo la mente aperta e sperimento.

Livello 1. Elementary Pranic Healing
E' richiesta concentrazione tattile e servono 3-5 sessioni per imparare i concetti e le tecniche di base. In 1-2 mesi di pratica regolare si può acquisire una buona abilità.

Livello 2. Intermediate Pranic Healing
Si usa la respirazione pranica e si approfondisce lo studio dei chakra maggiori. Servono 3-5 sessioni per acquisire il materiale del livello e 1-2 mesi di pratica regolare per cominciare a trattare casi più difficili.


>>Continua a leggere "I 4 Livelli del Pranic Healing"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.96 of 5, 163 vote(s) 3150 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Le 3 Fonti di Energia nel Pranic Healing

Scritto da Guido • Sabato, 4 marzo 2017
Nel mio studio e pratica delle tecniche energetiche mi sono affacciato anche al Pranic Healing del filippino Choa Kok Sui, ingegnere chimico di origini cinesi.


Ho preso il suo libro di base: Miracoli con il Pranic Healing ed ho cominciato a studiarlo e soprattutto a metterlo in pratica.



Il mio approccio è scientifico. Nel senso che sospendo il mio giudizio ed esperimento ciò che viene mostrato.

Al termine della mia sperimentazione verificherò se quanto scritto è utile e valido e nella mia esperienza o se, come dicono gli americani, è bullshit!

Solo al termine. Se rifiuto a priori non è metodo scientifico, ma crudo razionalismo.

Secondo Choa Kok Sui ci sono 3 fonti di energia:


1. Il Sole, il prana solare, il più potente di tutti, che si assorbe esponendosi al sole o bevendo acqua esposta al sole



2. L'Aria, il prana ozonico, che si assorbe con una respirazione ritmica



3. La Terra, il prana terrestre che si assorbe tramite le piante dei piedi. Non ho ancora letto il libro, ma io direi che l'assorbimento va fatto scalzi, seguendo anche i principi dell'Earthing


>>Continua a leggere "Le 3 Fonti di Energia nel Pranic Healing"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.95 of 5, 229 vote(s) 3220 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Pro e Contro gli Occhiali

Scritto da Guido • Mercoledì, 16 novembre 2016
Gli occhiali sono uno strumento di grande utilità per chi soffre di problemi di vista.

Attraverso le lenti diventa possibile mettere a fuoco il mondo e muoversi in tutta sicurezza, sicurezza per noi e per altri.

Grazie gli occhiali possiamo guidare, andare al cinema, muoverci liberamente e fare bene il nostro lavoro.



Ma gli occhiali sono anche una vera e propria stampella per i nostri occhi.

Ci aiutano nella visione ma non ci aiutano a migliorarla.

Diceva il dottor Bates: "Non è possibile vedere attraverso le lenti se l'occhio non produce il grado di errore di rifrazione che le lenti stesse dovrebbero correggere.

Tuttavia nell'occhio abbandonato a se stesso gli errori di rifrazione non sono mai costanti.

Se quindi con l'ausilio di lenti concave, convesse o astigmatiche si ottiene una buona visione, ciò significa che l'errore di rifrazione viene mantenuto a un livello costante, cosa che non avverrebbe in circostanze diverse.

Non ci si può aspettare altro che un peggioramento della situazione, ed è proprio ciò che avviene secondo l'esperienza comune.
" (da Il Metodo Bates per Vedere Bene Senza Occhiali).


>>Continua a leggere "Pro e Contro gli Occhiali"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.95 of 5, 416 vote(s) 6616 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!