Tecniche e Pratiche Energetiche per Corpo, Mente e Spirito

10 Minuti di Meditazione al Giorno

Scritto da Guido • Martedì, 24 gennaio 2017
C'è una pratica meditativa molto interessante che consiglio di fare ogni giorno: 10 minuti senza far niente!

Viviamo in una società super-impegnata, super-indaffarata e super-agitata. Allo stesso modo la nostra mente è super-impegnata, super-indaffarata e super-agitata.

Ma la mente per essere efficiente ha bisogno di riposo. Così la pratica che faccio ogni giorno e che consiglio è di stare 10 minuti senza far niente. Senza pensare a niente. Semplicemente essere.

Semplicemente percepire con i 5 sensi. Ma senza perdersi nel flusso dei pensieri, senza agire. Senza muoversi.

Questa è meditazione. Non è importante come ti siedi, non è importante come ti vesti, non è importante come metti le mani, non è importante che incenso metti, non è importante la musica di sottofondo.

Seduto, in piedi, sdraiato... chissenefrega.

Quello che conta è lo stato della tua mente.

In questo mondo superstressato cerchiamo tutti delle distrazioni dai nostri pensieri e dalle nostre emozioni... la televisione, il lavoro, la radio... distrazioni continue.

Quanti salgono in auto e la prima cosa che fanno è accendere la radio per non avere a che fare con i propri pensieri?
Quanti lavorano in casa e accendono la TV in sottofondo per "coprire" i "rumori" della mente?

E quelli che bevono per dimenticare e non affrontare la vita? E la droga?
Che cos'è questa fuga continua dalla vita?


>>Continua a leggere "10 Minuti di Meditazione al Giorno"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.97 of 5, 519 vote(s) 1626 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

46.16 Mindfulness ed Abitudini Positive per Vedere Bene

Scritto da Guido • Giovedì, 17 novembre 2016 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS
Settimana piena di intoppi dove forze interne (percorsi neuronali) ed esterne (coincidenze, problemi lavorativi, persone...) si sono messe d'accordo per rallentare il mio processo di guarigione.

Succede sempre così, dopo i primi successi c'è sempre qualcosa che rema contro e mi blocca. Non stavolta.


Barcollo ma non mollo :-P e infatti sono continuati piccoli successi, come sensibili miglioramenti ancora in contrasto e colore, al mattino appena sveglio o durante la guida con nebbia.

Ho anche flashes di miglioramento dell'acuità visiva. L'obiettivo ora è farli aumentare in frequenza e durata.


Mi sono accorto di una cosa importante: "Più sono presente e più vedo bene. Più vedo bene e più sono presente".


E infatti sto notando come i due fattori principali del recupero in tanti anni di tentativi non li ho mai considerati. Quali sono questi due fattori?

Presenza e lavoro sulle abitudini. Mindfulness ed abitudini.


>>Continua a leggere "46.16 Mindfulness ed Abitudini Positive per Vedere Bene"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.95 of 5, 370 vote(s) 19851 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

43.16 Sviluppare l'Acuità Sensoriale per la Mindfulness

Scritto da Guido • Giovedì, 27 ottobre 2016 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS
Continua l'allenamento specifico alla mindfulness, alla presenza mentale ed al qui ed ora.

Dopo l'esercizio della settimana scorsa, sul fermarmi e fare i 3 respiri di centratura (oppure 3 sbadigli come suggerisce Mark Waldman), nei passati sette giorni ho continuato ad aumentare il mio tempo dedicato alla meditazione e soprattutto la sua qualità e profondità.

Inoltre ho cominciato con piccoli esercizi per sviluppare l'acuità sensoriale. La nostra esperienza, la nostra percezione, dipende dai nostri sensi.

Vista, udito, tatto, olfatto e gusto sono le 5 porte principali della nostra esperienza percettiva.

Così ho cominciato a prestare maggiore attenzione... ad ogni senso.

Vista.
Per 5-10 minuti ho osservato con attenzione gli oggetti del mio ambiente: colori, tonalità, luminosità e contrasti. Ho osservato i miei ambienti come se li vedessi per la prima volta.

Udito.
Bellissimo esercizio da fare ad occhi chiusi... ascoltando il battito cardiaco, la respirazione o qualsiasi suono interno o intorno a me. E così si cominciano a sentire suoni di cui prima non si percepiva nulla.


>>Continua a leggere "43.16 Sviluppare l'Acuità Sensoriale per la Mindfulness"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.93 of 5, 504 vote(s) 3687 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Stili ed Obiettivi della Meditazione

Scritto da Guido • Mercoledì, 21 settembre 2016
MeditazioneNon esiste un solo tipo di meditazione. Per cui quando qualcuno vuole cominciare a meditare deve sapere quello che desidera ottenere dalla meditazione.


Ci sono molti, molti differenti stili, con differenti obiettivi... e siccome tutte le forme di meditazione sono basate su stati alterati di coscienza, ci sono molti tipi differenti di stati alterati.

E allora quale tipo di tecnologia che costruisce un ponte fra le tue menti vuoi?E qual è il tuo obiettivo?


Rilassamento, preghiera, entrare nel silenzio per ricevere, imparare a connette gli emisferi destro e sinistro, visualizzazione, chiaroveggenza (remote viewing), chiarosenzienza (consapevolezza cinestesica a distanza), guarigione a distanza, manifestazione....


Ma prima di meditare occorre sedare la reazione fuga-combattimento.

E poi servono allenamento ed esperienza.


Ma il primo passo di ogni meditazione è sempre il rilassamento fisico...


... ad esempio qualcosa come il training autogeno (J. Schultz, 1922) o il rilassamento progressivo di E. Jacobson (1937) o il Relax Lungo di Josè Silva (1966).


Quando il meridiano Triplice Riscaldatore è sovraeccitato allora sono necessarie molte cose prima che si possa ottenere un buon rilassamento fisico.


E poi è importante comprendere tutti i benefici ed i vantaggi che si ottengono da quel tipo di meditazione per avere la motivazione per praticare con costanza fino all'ottenimento dei risultati attesi.


Il tipo di meditazione scelto deve poi includere le proprie convinzioni ed i propri valori.

Ad esempio la preghiera può essere un tipo di meditazione non adatta per un ateo.


Con le giuste condizioni si può costruire un ponte fra conscio ed inconscio.


>>Continua a leggere "Stili ed Obiettivi della Meditazione"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.97 of 5, 936 vote(s) 5839 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

37.16 Tanti Piccoli Miglioramenti Visivi con la Fisiologia

Scritto da Guido • Giovedì, 15 settembre 2016 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS

Con l'esplosione di energia dell'ultima settimana ho sentito l'esigenza di convogliarla verso il mio obiettivo principale: il miglioramento della vista.

Ma questa volta ho voluto muovermi piano piano, senza fretta ed un passo alla volta. Per non bruciarmi.
Con che cosa cominciare? La prima cosa che ho iniziato a sviluppare è un atteggiamento positivo, uno stato d'animo produttivo ed emozioni potenzianti.

Così questa settimana ho sperimentato a tutto spiano il principio di PNL della "fisiologia".

Non ho fatto altro che mantenere una postura ben eretta per tutto il tempo possibile, con un buon lavoro di consapevolezza corporea (e mindfulness) e stamparmi un bel sorriso sulla faccia.

Tutto con l'obiettivo di avere un atteggiamento positivo nei riguardi del miglioramento visivo.


>>Continua a leggere "37.16 Tanti Piccoli Miglioramenti Visivi con la Fisiologia"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.93 of 5, 723 vote(s) 9386 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!