Tecniche e Pratiche Energetiche per Corpo, Mente e Spirito

Settare 3 Priorità al Giorno - L'Importanza della Pianificazione

Scritto da Guido • Mercoledì, 22 marzo 2017 • Commenti 0 • Categoria: STRATEGIE
Una buona abitudine da sviluppare è quella di fermarsi ogni sera a fare il punto della giornata e settare le priorità per il giorno successivo.

E' essenziale ridurre a 1, max 3 le cose essenziali da fare, in modo da poterle fare subito, in fretta e poi dedicarsi ad altro... ma solo dopo averle portate a termine.

Perchè è importante? Perchè spesso rimaniamo presi nel turbine degli imprevisti o delle mille attività quotidiane e solo a fine giornata ci ricordiamo di non aver fatto nulla per portare a termine i progetti che ci stanno tanto a cuore.

Io mi sono dato l'obiettivo di farlo ogni sera e tengo anche traccia di questa attività in quanto la mia idea era ed è ancora di renderla un'abitudine perfettamente integrata nelle mie routines e non una cosa che posso fare o meno.

Ci sono tanti modi per farlo...


  • un grosso foglio da mettere sul tavolo con le 3 priorità per il giorno dopo

  • scrivere le priorità su una lavagna magnetica davanti alla scrivania e/o vicino alla porta

  • dei post-it

  • dei post-it virtuali da mettere sul desktop

Come faccio io?

Ho due possibilità. Una è la lavagna magnetica. L'altra è Todoist.


>>Continua a leggere "Settare 3 Priorità al Giorno - L'Importanza della Pianificazione"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 3.10 of 5, 20 vote(s) 3717 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Se Vuoi Cambiare, Smetti di Studiare e Comincia a Fare!

Scritto da Guido • Giovedì, 23 febbraio 2017 • Commenti 0 • Categoria: STRATEGIE
Smetti di Imparare e Comincia a Fare... ovviamente è una provocazione. Io stesso non smetto mai di imparare, ma il punto è un altro: FARE!

Qualunque sia il campo di applicazione, il successo è sempre direttamente proporzionale alla capacità di agire e di portare le cose a termine.
Possedere la sola teoria senza l'immediata applicazione pratica è come camminare con una gamba sola.

Peggio ancora... la continua ricerca del metodo migliore senza mai applicare nulla... (mea culpa, in questa palude ci sono finito più e più volte).

Tutti noi abbiamo degli obiettivi. Io ho i miei, tu hai i tuoi... e tutti noi cerchiamo le migliori informazioni e soluzioni per raggiungere i nostri obiettivi. Ma questo non è sufficiente.


Non è quello che sappiamo a fare la differenza,
ma quello che facciamo con quello che sappiamo.

Dimentichiamo molto rapidamente quello che impariamo se non lo applichiamo immediatamente. Il nostro cervello elimina rapidamente ciò che non è utile, ciò che è zavorra.  L'apprendimento deve essere sempre equilibrato da azione pratica, altrimenti non serve a nulla.



>>Continua a leggere "Se Vuoi Cambiare, Smetti di Studiare e Comincia a Fare!"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.88 of 5, 225 vote(s) 1713 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Due Strategie di Produttività per Motivarsi ad Agire

Scritto da Guido • Lunedì, 6 febbraio 2017 • Commenti 0 • Categoria: STRATEGIE
Per creare pressione e motivarsi a portare a termine il lavoro da fare ci sono due strategie principali.

La prima consiste nel limitare il tempo, la seconda nel limitare il numero delle attività. Se hai una lunga lista di cose da portare a termine non puoi fare tutto, ma puoi comunque lavorarci sopra con una certa intensità.

Limitare il tempo è una strategia abbastanza semplice e consiste nell'impostare un timer e fare tutto il lavoro possibile in quel tempo. Io utilizzo l'applicazione Pommodoro Challenge e mi trovo molto bene con questa strategia per un determinato tipo di attività.

In pratica mi concentro in brevi sequenze ad alta intensità, ad esempio 25 minuti per fare tutto quello che posso, pausa, poi altri 25 minuti. Questa può essere un'ottima strategia nello studio o nella lettura, in un allenamento fisico o in qualsiasi cosa in cui si voglia rimanere focalizzati per un certo periodo di tempo.

Ad esempio se voglio riordinare una stanza incasinata (ad esempio un garage o un solaio) o anche solo i files nel computer, questa è la strategia migliore da adottare.

La seconda strategia prevede invece un numero limitato di cose da fare e si va avanti finchè non si finisce. In questo caso imposto delle mini-liste di 5-6 attività da fare in serie e procedo finchè non ho finito.

Un esempio pratico di applicazione delle due strategie, anche per capirle meglio, è il seguente.
Decido di leggere un libro.

Strategia 1.
Ogni giorno dedico mezz'ora alla lettura del libro (indipendentemente da quante pagine io possa leggere).
Vantaggio. Non mi preoccupo di quanto ci metterò e procedo tranquillamente.
La uso con un libro spesso e con capitoli molto lunghi.

Strategia 2. Ogni giorno leggo un capitolo del libro, oppure 20 pagine (indipendentemente da quanto tempo ci possa mettere)
Vantaggio. So esattamente quando finirò il libro.
La uso con un libro che presenta capitoli brevi.


>>Continua a leggere "Due Strategie di Produttività per Motivarsi ad Agire"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 3 of 5, 396 vote(s) 1057 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Come Io Uso Evernote

Scritto da Guido • Mercoledì, 25 gennaio 2017 • Commenti 0 • Categoria: STRATEGIE
Ho usato per 2-3 anni Evernote Premium come un semplice archivio (che spreco!).

Per chi non la conoscesse, Evernote è un'applicazione per scrivere note, per raccogliere documenti, per sviluppare la propria creatività, per dare ordine alla propria vita.

Insomma... un'espansione del cervello!

Premetto che uso il sistema GTD (Get Things Done, in italiano tradotto con "Detto, Fatto!") di David Allen, che per alcuni è superato. Per me no.


Per me è un sistema di produttività fantastico.


Come ho organizzato il mio spazio Evernote!

Ho una cartella INBOX dove entra tutto e passa tutto di lì.
Questo è il cuore di Evernote.

Da qui, le mie note vengono...




  1. Cancellate



  2. Lavorate (nella cartella Incubator... dove ci sono le cose su cui sto lavorando e dove avviene una sorta di Brainstorming continuo)



  3. Archiviate come "references" o materiale che mi servirà in futuro.

Tra le altre cartelle importanti ho:


  • Progetti Attuali (un'espansione di Incubator... quando il progetto comincia a diventare più corposo ed una sola nota non è più sufficiente)



  • Lavoro (tutte le note, i documenti e le references per il lavoro... o i lavori)



  • Personale (tutte le cose personali o riferite alla casa, ma non di lavoro)



  • Un Giorno/Forse (tutte le cose che voglio fare, ma non adesso... tutte le idee per il futuro, progetti futuri, cose che farò nei mesi/anni futuri... forse)




>>Continua a leggere "Come Io Uso Evernote"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.97 of 5, 551 vote(s) 2511 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!