Tecniche e Pratiche Energetiche per Corpo, Mente e Spirito

8.17 Presenza e Mindfulness (Esperimento)

Scritto da Guido • Sabato, 25 febbraio 2017 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS
L'esperimento della settimana consisteva nell'installare la nuova abitudine della mindfulness, della presenza mentale.

In pratica ho utilizzato un timer e programmavo delle mini-sessioni da 10 minuti in cui cercavo di mantenere la percezione di me stesso, dei miei pensieri, delle mie emozioni e dell'ambiente circostante.

In media ho fatto dalle 6 alle 8 sessioni sparse durante la giornata.

La pratica è risultata facile solo alla guida dell'auto, un momento in cui sono da solo e la vista può spaziare su tutto il campo visivo, da destra a sinistra.

Molto difficile quando ci sono diverse fonti di disturbo e si deve fare un compito specifico.

Difficile anche quando ci sono altre persone con cui si comunica o peggio ancora quando si deve gestire un gruppo.

Dopo alcuni giorni di "tentativi" ho osservato come partendo dal corpo tutto diventa più facile.

Ho infatti cominciato a concentrarmi prima sulla postura, sollevando bene la testa ed aprendo le spalle e da qui espandevo la mia percezione in tutte le direzioni (interno ed esterno).

E' un allenamento da portare avanti ma che dà i suoi buoni frutti, in termini di centratura, focus ed una piacevole sensazione di espansione e benessere psico-fisico.


>>Continua a leggere "8.17 Presenza e Mindfulness (Esperimento)"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.96 of 5, 227 vote(s) 2028 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Se Vuoi Cambiare, Smetti di Studiare e Comincia a Fare!

Scritto da Guido • Giovedì, 23 febbraio 2017 • Commenti 0 • Categoria: STRATEGIE
Smetti di Imparare e Comincia a Fare... ovviamente è una provocazione. Io stesso non smetto mai di imparare, ma il punto è un altro: FARE!

Qualunque sia il campo di applicazione, il successo è sempre direttamente proporzionale alla capacità di agire e di portare le cose a termine.
Possedere la sola teoria senza l'immediata applicazione pratica è come camminare con una gamba sola.

Peggio ancora... la continua ricerca del metodo migliore senza mai applicare nulla... (mea culpa, in questa palude ci sono finito più e più volte).

Tutti noi abbiamo degli obiettivi. Io ho i miei, tu hai i tuoi... e tutti noi cerchiamo le migliori informazioni e soluzioni per raggiungere i nostri obiettivi. Ma questo non è sufficiente.


Non è quello che sappiamo a fare la differenza,
ma quello che facciamo con quello che sappiamo.

Dimentichiamo molto rapidamente quello che impariamo se non lo applichiamo immediatamente. Il nostro cervello elimina rapidamente ciò che non è utile, ciò che è zavorra.  L'apprendimento deve essere sempre equilibrato da azione pratica, altrimenti non serve a nulla.



>>Continua a leggere "Se Vuoi Cambiare, Smetti di Studiare e Comincia a Fare!"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.88 of 5, 226 vote(s) 1900 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

7.17 Osservare i Pensieri in Meditazione (Esperimento)

Scritto da Guido • Sabato, 18 febbraio 2017 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS
Ho ripreso la bella abitudine di fare un esperimento alla settimana ed ho cominciato con la meditazione.

L'esperimento di questa settimana consisteva nell'osservare i miei pensieri per un'ora di pratica al giorno. Si trattava quindi di una tipologia di meditazione molto semplice.

Quando chiesi al mio primo maestro di kung fu una tecnica per meditare, lui mi guardò, sorrise e mi disse "osserva i tuoi pensieri come se fossero nuvolette nel cielo, che passano e vanno via". Nessuna indicazione su postura, respirazione o posizioni delle mani. Dritto al sodo.

E così dopo una settimana di pratica (7 ore, con una media di un'ora al giorno) queste sono le mie osservazioni.

1. I pensieri sono come nuvole

Io sono immerso in un mare di pensieri, di energia pensante e pulsante. Questa è la metafora che ho utilizzato nella settimana di pratica.

2. Spostamento di coscienza


A seconda di come io sposto la mia coscienza, cambia il controllo dei pensieri.


  • Se la mia attenzione è principalmente nel corpo fisico i pensieri non ci sono o sono rarissimi.

  • Stessa cosa se sposto la mia attenzione sul campo energetico ed osservo il movimento dell'energia e le sue manifestazioni.

  • Ma quando sposto la mia attenzione sul puro piano mentale i pensieri aumentano perchè questo è il loro piano, il loro livello di esistenza.



>>Continua a leggere "7.17 Osservare i Pensieri in Meditazione (Esperimento)"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.99 of 5, 318 vote(s) 23009 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

6.17 La Nuova Strategia di Pianificazione per la Mia Produttività

Scritto da Guido • Sabato, 11 febbraio 2017 • Commenti 0 • Categoria: REPORTS
Ho cominciato a focalizzarmi sempre più sulla pianificazione. Sono diventato produttivo è vero, ma senza una forte direzione è difficile procedere rapidamente.

Nelle settimane precedenti mi sono trovato a completare tutte le mie attività, ma poi nuovi campanelli mi portavano verso altre attività ed azioni, ma lontano dai miei obiettivi di lungo periodo. Per questo mi serviva una strategia... di pianificazione.

La Strategia è basata sui Progetti che voglio raggiungere quest'anno. Tutto il resto passa in secondo piano. Quindi i miei progetti devono essere sempre al top della pianificazione. Devono sempre stare in alto nella mia lista delle priorità.

E per ogni progetto devo avere sempre chiari in mente tutti i motivi per cui lo voglio. Stessa cosa per le abitudini che voglio installare di settimana in settimana.

I motivi! La motivazione è la chiave per portare avanti progetti ed abitudini. Senza una sufficiente spinta emotiva, anche i migliori progetti e le migliori intenzioni si possono arenare facilmente.

Per quanto riguarda le abitudini, la mia lista dei 3 motivi principali la riporto sull'applicazione 7Weeks, mentre per i progetti ho un taccuino su Evernote.

In questo taccuino, oltre ad elencare i motivi, ho impostato una chiara immagine del risultato desiderato, che aggiornerò regolarmente, anche con immagini evocative.


>>Continua a leggere "6.17 La Nuova Strategia di Pianificazione per la Mia Produttività"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 2.97 of 5, 348 vote(s) 2055 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Due Strategie di Produttività per Motivarsi ad Agire

Scritto da Guido • Lunedì, 6 febbraio 2017 • Commenti 0 • Categoria: STRATEGIE
Per creare pressione e motivarsi a portare a termine il lavoro da fare ci sono due strategie principali.

La prima consiste nel limitare il tempo, la seconda nel limitare il numero delle attività. Se hai una lunga lista di cose da portare a termine non puoi fare tutto, ma puoi comunque lavorarci sopra con una certa intensità.

Limitare il tempo è una strategia abbastanza semplice e consiste nell'impostare un timer e fare tutto il lavoro possibile in quel tempo. Io utilizzo l'applicazione Pommodoro Challenge e mi trovo molto bene con questa strategia per un determinato tipo di attività.

In pratica mi concentro in brevi sequenze ad alta intensità, ad esempio 25 minuti per fare tutto quello che posso, pausa, poi altri 25 minuti. Questa può essere un'ottima strategia nello studio o nella lettura, in un allenamento fisico o in qualsiasi cosa in cui si voglia rimanere focalizzati per un certo periodo di tempo.

Ad esempio se voglio riordinare una stanza incasinata (ad esempio un garage o un solaio) o anche solo i files nel computer, questa è la strategia migliore da adottare.

La seconda strategia prevede invece un numero limitato di cose da fare e si va avanti finchè non si finisce. In questo caso imposto delle mini-liste di 5-6 attività da fare in serie e procedo finchè non ho finito.

Un esempio pratico di applicazione delle due strategie, anche per capirle meglio, è il seguente.
Decido di leggere un libro.

Strategia 1.
Ogni giorno dedico mezz'ora alla lettura del libro (indipendentemente da quante pagine io possa leggere).
Vantaggio. Non mi preoccupo di quanto ci metterò e procedo tranquillamente.
La uso con un libro spesso e con capitoli molto lunghi.

Strategia 2. Ogni giorno leggo un capitolo del libro, oppure 20 pagine (indipendentemente da quanto tempo ci possa mettere)
Vantaggio. So esattamente quando finirò il libro.
La uso con un libro che presenta capitoli brevi.


>>Continua a leggere "Due Strategie di Produttività per Motivarsi ad Agire"

| Top Exits (0)
Karma for this article:
Current karma: 3.00 of 5, 402 vote(s) 1325 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!